I referendum

2541
SHARE

L’intenzione di partecipare al voto

Dai dati emerge una sorprendentemente ampia intenzione di partecipare alla consultazione del 12 giugno. Va osservato che tradizionalmente l’intenzione di partecipare al voto è sempre sovrastimata dalle indagini campionarie, per questioni di desiderabilità sociale (astenersi è tuttora in parte considerato socialmente inaccettabile), e una tendenza simile può anche essere estesa al voto referendario; di conseguenza il dato andrebbe verosimilmente rivisto al ribasso. Tuttavia l’elemento che emerge con chiarezza è che il raggiungimento del quorum, in base alle intenzioni espresse alla metà di aprile e con tutti e tre i quesiti ancora in campo, non apparirebbe inverosimile.

(Osservatorio Politico CISE – aprile 2011)