Le elezioni municipali in Francia: una prova per Macron ai tempi del coronavirus

Matteo Boldrini

2 ARTICOLI 0 COMMENTI
Matteo Boldrini è dottorando presso il dottorato in Mutamento Sociale e Politico dell'Università di Firenze. Ha conseguito la laurea in Scienze della politica e dei processi decisionali presso l'Università di Firenze. Dopo la laurea ha frequentato come borsista il Seminario di studi parlamentari "Silvano Tosi" di Firenze e il Master in Management e Politiche della Pubblica Amministrazione della LUISS School of Government a Roma. I suoi principali interessi di ricerca si concentrano sui mutamenti all'interno della politica e del governo locali, sulla classe politica e sui partiti politici. Ulteriori suoi interessi di ricerca includono i partiti della sinistra radicale e la loro evoluzione anche in chiave comparata.

Le elezioni municipali rappresentano storicamente uno degli appuntamenti elettorali più importanti del sistema politico francese. Non solamente perché l’incarico di sindaco costituisce uno dei principali accessi alla scena politica nazionale, ma anche per la forte valenza politica che si associa a questa elezione, che vede coinvolti tutti i quasi quarantamila comuni francesi nella stessa tornata (Parodi 1983). Inoltre, gli eletti nella comunità locali concorrono all’elezione dei componenti del Senato, che com’è noto, è eletto indirettamente da un collegio elettorale composto per la maggior parte dai consiglieri municipali (Boldrini et al. 2015). Una debole rappresentanza locale rischia dunque di tradursi in una debole rappresentanza all’interno della Camera Alta, indebolendo...

Il confronto con le europee e le politiche del 2018 Il risultato delle elezioni comunali a Firenze sembra poter essere considerato come in controtendenza rispetto all’esito generale delle elezioni (Angelucci e Paparo 2019). A Firenze, diversamente da quanto accaduto in gran parte del resto d’Italia (e in particolare anche della stessa Zona Rossa), il Partito Democratico e le liste ad esso collegate sono riuscite a conquistare il comune già al primo turno. Il sindaco uscente Dario Nardella è stato infatti riconfermato approssimativamente con il 57% dei consensi, distanziando nettamente i principali sfidanti, il candidato del centrodestra a guida leghista Ubaldo...