Osservatorio Politico

Osservatorio Politico

Osservatorio Politico

di Aldo Paparo I primi dati del sondaggio dell'Osservatorio Politico del Cise indicano un quadro di sostanziale continuità con il risultato osservato alle scorse elezioni europee. In caso di elezioni anticipate, il Pd sarebbe intorno al 40% delle intenzioni di voto valide. Di poco inferiore alla metà la percentuale del M5s (18,6). La più rilevante novità sembra essere rappresentata dal riequilibrio dei rapporti di forza nel centrodestra, dove la Lega Nord continua ad avanzare, a scapito di un ulteriore arretramento di Forza Italia. Sembrerebbe dunque che stia accadendo poco, o meglio che l'elettorato non stia rispondendo agli eventi degli ultimi mesi...

di Aldo Paparo Dopo aver guardato alle caratteristiche sociodemografiche, in questo articolo confrontiamo il gruppo di chi non risponde con il nome di un partito alla domanda "Cosa voterebbe se domani ci fossero nuove elezioni politiche?", con quello costituito da coloro che invece indicano il partito che sono intenzionati a votare, riguardo le opinioni da loro espresse in risposta alle nostre domande più politiche. La tabella 1 riporta come si sono divisi su queste domande i due gruppi che desideriamo comparare. Abbiamo nuovamente evidenziato in giallo le categorie sovrarappresentate nell'area grigia ed in blu quelle maggiormente concentrate nel voto valido. Tab.1 –Attitudini...

Alcune domande dell'indagine Osservatorio Politico riguardano i leader che dovranno guidare le future coalizioni in vista della campagna elettorale del 2013.  La scelta della leadership è ormai una questione cruciale in tutte le democrazie occidentali competitive. Sondare l’opinione degli elettori italiani circa i possibili leader del futuro è poi particolarmente interessante in una fase di transizione come quella attuale, in cui le tre possibili coalizioni non hanno ancora fatto chiarezza sui tre elementi fondamentali di un’alleanza di governo: il programma, la composizione partitica della coalizione, e, ovviamente, il leader. Per testare la forza dei leader abbiamo posto due domande diverse:...

di Roberto D’Alimonte Pubblicato su Il Sole 24 Ore il 17 novembre 2016 Oggi il No è davanti al Sì. Per la precisione questo era vero ieri, cioè nei giorni tra il 27 Ottobre e il 7 novembre quando è stato realizzato il sondaggio Cise-Sole 24 Ore i cui risultati presentiamo qui. La precisazione temporale è necessaria perché il clima di opinione di questi tempi è talmente volubile che umori e intenzioni di voto possono cambiare rapidamente anche in un breve lasso di tempo. Figuriamoci da qui al 4 dicembre. La tendenza però sembra chiara. Per quanto i sondaggi siano strumenti molto imperfetti...

di Aldo Paparo Abbiamo già avuto modo di segnalare come i dati del sondaggio dell'Osservatorio Politico Cise di questo autunno mostrino, nelle intenzioni di voto al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, un netto vantaggio del NO nelle regioni meridionali. In questo articolo cerchiamo di indagare più in profondità questa frattura geografica, concentrandoci sul comportamento differenziato fra nord e sud per alcune rilevanti categorie di elettori (Tab. 1). Tralasciamo quindi le 4 regioni della zona rossa, che sono quelle più politicamente connotate, e focalizziamo il confronto fra le due porzioni più volatili (e popolose) del paese: il nord e il sud,...