Regionali 2014-2015

Il voto di preferenza in Toscana alle elezioni regionali 2015di Gabriele Bracci Con il presente articolo cercheremo di analizzare l’utilizzo che gli elettori toscani hanno fatto del voto di preferenza in occasione delle recenti elezioni regionali.

Amministrative 2015

I ballottaggi delle comunali: cosa ci dicono i numeri?di Francesco Barone Oggi si torna a votare.

Regionali 2014-2015

Il voto di preferenza alle Regionali 2015di Stefano Rombi (Università di Cagliari) Per quanto possa sembrare dissonante rispetto all’ampio dibattito giornalistico, il voto di preferenza è diffuso in tutte le elezioni del nostro paese. L’Italia, dunque, è il paese del voto di preferenza e le elezioni regionali non fanno eccezione.

Regionali 2014-2015

Tutti per uno o ognuno per sé? Il centrodestra a geometria variabiledi Vincenzo Emanuele Per la prima volta dall’inizio della Seconda Repubblica e dall’entrata in vigore della legge Tatarella (1995) il centrodestra si è presentato a queste elezioni regionali privo di uno schema coalizionale unitario.

Amministrative 2015 - Regionali 2014-2015

Il Renzi che vince e il Renzi che "non vince"di Lorenzo De Sio Le elezioni europee dell’anno scorso ci avevano mostrato con chiarezza il Renzi che vince. Le regionali di pochi giorni fa mostrano un risultato diverso.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: Grillo resta secondo partito, Lega prima nel centrodestradi Roberto D'Alimonte Pubblicato su Il Sole 24 Ore del 2 giugno L’effetto Renzi non c’è stato. La Lega Nord è il primo partito del centro-destra. Il M5s è ancora il secondo partito italiano. L’astensionismo continua a salire.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015, l’analisi della partecipazione: crollo di 11 punti rispetto al 2010, Toscana e Marche sotto il 50%di Vincenzo Emanuele Subito dopo la chiusura dei seggi, le analisi di molti commentatori si sono focalizzate sulla sorprendente vittoria di Toti in Liguria, sul boom della Lega e sulle polemiche interne al PD, trascurando o trattando marginalmente un altro dato clamoroso e meritevole di attenzion...

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: nuovo trionfo di Zaia in Venetodi Salvatore Borghese Il Veneto, come anche altre regioni (Liguria, Puglia), è stato sotto i riflettori di questa campagna elettorale principalmente per un motivo: la scissione che ha riguardato uno dei due schieramenti maggiori.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: verso un’effettiva contendibilità in Umbria?di Luca Carrieri Le elezioni regionali in Umbria rappresentano una delle principali sorprese dell’ultimo election day.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: in Campania De Luca consuma la propria vendettadi Salvatore Boghese e Francesca Mezzio Al termine di queste tornata di elezioni regionali, il dato che continua a preoccupare in Campania (come anche nelle altre regioni al voto) è l’affluenza, che non riesce a superare il 51,9%, ben 11 punti percentuali in meno rispetto alle ultime regionali.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: in Puglia una cronaca annunciata con conseguenze nazionalidi Nicola Martocchia Diodati Nonostante la conferma delle aspettative circa l’esito, le conseguenze politiche delle elezioni regionali pugliesi sono particolarmente rilevanti. Infatti, come già si osservava nella nota scritta prima delle elezioni (http://cise.luiss.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: le sette regioni sono rappresentative dell'Italia intera?di Aldo Paparo Queste elezioni regionali hanno coinvolto in tutto sette regioni, dunque circa un terzo delle venti totali. Due di queste si trovano nel nord del paese, ben 3 sono della Zona Rossa (sulla quattro che in tutto la costituiscono); infine due sono le regioni meridionali.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: le elezioni in Toscana tra conferme e sorpresedi Elisa Volpi In una regione in cui l’esito politico delle elezioni era (quasi) scontato il primo dato che colpisce è quello relativo all’astensionismo.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: sorpresa Toti, la Liguria torna a destra dopo 10 annidi Bruno Marino  I risultati delle elezioni regionali in Liguria sono stati tra quelli più sorprendenti di questa tornata elettorale.

Regionali 2014-2015

Regionali 2015: nelle Marche vince il Pd senza sorprese. L’uscente Spacca è quartodi Alessandro De Luca Tradizionalmente considerata una delle regioni rosse, in questa tornata elettorale le Marche sono state caratterizzate da una sfida interessante e non scontata per tre motivi essenziali.

Regionali 2014-2015

Sette sistemi per sette regioni: le caratteristiche dei sistemi elettoralidi Aldo Paparo In questo articolo descriviamo in dettaglio le caratteristiche dei sistemi elettorali con cui si vota nelle sette regioni chiamate alle urne in questa tornata.

Regionali 2014-2015

Il "federalismo" dei sistemi elettoralidi Roberto D'Alimonte Pubblicato su Il Sole 24 Ore del 31 maggio Oggi si vota in sette regioni con sette sistemi elettorali diversi. Una volta si votava in quasi tutte le regioni con lo stesso sistema elettorale.

Elezioni nel mondo

Presidential elections in Poland - exclusive video interview with Mikołaj Cześnik The recent presidential elections in Poland have seen the unexpected victory of Andrzej Duda, candidate of the conservative right.

Amministrative 2015

Comunali 2015: le corse per il mandato da sindaco al Suddi Alessandro De Luca Alessandro De Luca (1990) ha conseguito la laurea magistrale in Scienze di governo e della Comunicazione pubblica presso la Luiss “Guido Carli” con una tesi sull’instabilità elettorale nelle subculture politiche territoriali in Italia.

Amministrative 2015

Comunali 2015: l'offerta elettorale nella Zona rossadi Alessandro De Luca Alessandro De Luca (1990) ha conseguito la laurea magistrale in Scienze di governo e della Comunicazione pubblica presso la Luiss "Guido Carli" con una tesi sull'instabilità elettorale nelle subculture politiche territoriali in Italia.

Amministrative 2015

Comunali 2015: i capoluoghi al voto nel Norddi Alessandro De Luca Alessandro De Luca (1990) ha conseguito la laurea magistrale in Scienze di governo e della Comunicazione pubblica presso la Luiss "Guido Carli" con una tesi sull'instabilità elettorale nelle subculture politiche territoriali in Italia.

Analisi - Elezioni nel mondo

Another Surprise at the Polls: Cameron Wins a (Small) Majority at the 2015 UK General ElectionDr. Alistair Clark, Newcastle University E: Alistair.clark@ncl.ac.

Amministrative 2015

Ballottaggi in Trentino-Alto Adige: il Pd vince solo a Bolzanodi Aldo Paparo Si sono svolti ieri i ballottaggi in quattro comuni degli otto con almeno 15.000 abitanti al voto nella tornata amministrativa ordinaria della regione autonoma del Trentino-Alto Adige in questo maggio 2015.

Regionali 2014-2015

Regionali: liste polverizzate a destradi Roberto D'Alimonte Pubblicato su Il Sole 24 Ore del 19 maggio L'offerta politica con cui i partiti si presenteranno davanti agli elettori nelle sette regioni al voto il prossimo 31 Maggio è un misto di elementi di continuità e di alcune interessanti novità.

Regionali 2014-2015

Regionali Veneto: stavolta la sfida è aperta?di Matteo Cataldi La regione Veneto, assieme alla Lombardia, è l’unica regione italiana a non essere mai stata amministrata dal centrosinistra, almeno da quando la legge Costituzionale del 22 novembre 1999 n. 1, ha introdotto l’elezione diretta del Presidente della Giunta.

Speciale “Elezioni in Europa”:

Slovenia: crisi politica interna e successo dell’opposizionedi Simona Kustec Lipicer L’Unione Europea è stata quasi completamente assente dalle terze elezioni slovene per il Parlamento Europeo.
Croazia: risultati negativi per la coalizione al governodi Andrija Henjak Le elezioni per il Parlamento Europeo (PE) in Croazia hanno avuto luogo appena un anno dopo le elezioni speciali per il PE che si sono tenute nel 2013, poc...
I paesi baltici: risultati ambigui per i governi in caricadi Liisa Talving e Lukas Pukelis Estonia Le terze elezioni europee in Estonia erano considerata già dalla vigilia come un importante test in vista delle prossime elezioni p...
Malta: mutamento sottotraccia?di Marcello Carammia e Roderick Pace Introduzione Le elezioni europee – le terze da quando Malta è entrata a far parte dell’Ue – si sono tenute sabato 24 maggio.
Repubblica Ceca: dove sono andati tutti gli elettori?di Vlastimil Havlík Ventuno europarlamentari che rappresentano la Repubblica Ceca (1 europarlamentare in meno rispetto al 2009) sono stati eletti il 23 e 24 maggio.
Polonia: tra vecchia astensione e nuova destradi Mikołaj Cześnik e Michał Kotnarowski Il contesto Le elezioni europee del 25 maggio sono le terze elezioni europee nella storia della moderna Polonia democratica.
Slovacchia: record assoluto di astensionedi Peter Spáč L’elezione del Parlamento Europeo (PE) si è tenuta in Slovacchia il 24 maggio. Si è trattato della terza elezione da quando il paese è entrato nell’UE.
Finlandia e Danimarca: vittoria senza precedenti della destra radicale in Danimarca, mentre in Finlandia i partiti moderati tradizionali vengono premiatidi Nina Liljeqvist e Kristian Voss   Finlandia Il Partito dei Finlandesi (PS), populista ed euroscettico, era considerato come un serio sfidante per i partiti tr...
Lussemburgo: il primo voto “solo” europeodi Patrick Dumont and Raphaël Kies Il contesto Per la prima volta dal 1979, in Lussemburgo le elezioni europee si sono svolte separatamente rispetto alle elezioni politiche ...
Bulgaria: sostenere o non sostenere il governo in carica, questo è il dilemmadi Sorina Soare Paese appartenente al blocco ex-comunista, la Bulgaria fa il suo ingresso nell’UE già nel 2007.
Romania: un'anticamera delle presidenziali dell’autunno 2014?di Sorina Soare   Negli ultimi 25 anni, la Romania ha conosciuto un percorso di democratizzazione più lungo e tortuoso rispetto ad altri paesi della regione, con mo...
Portogallo: apatia e crisi dei partiti moderatidi Marco Lisi Il Portogallo sta attraversando una profonda crisi economica e sociale che finora non è stata accompagnata da rilevanti cambiamenti del sistema politico come avve...
Spagna: l’inizio della fine del bipartitismo?di Enrique Hernández e Marta Fraile Una volta di più e come d’abitudine oramai in Spagna (si veda ad esempio Font e Torcal, 2012) i principali messaggi e discorsi della ...
Belgio: Elezioni di terz’ordinedi Tom Verthé Finora le elezioni europee in Belgio si sono sempre tenute contemporaneamente a quelle regionali.
Ungheria: la stabilità del predominio di Fideszdi Federico Vegetti Il risultato delle elezioni europee del 2014 in Ungheria è tutto fuorché sorprendente.
Austria: nessuno perde e tutti vincono?di Carolina Plescia e Sylvia Kritzinger Introduzione In Austria si è votato domenica 25 Maggio.
Grecia: cambiamento storico o semplice campanello d’allarme?di Konstantinos Athanasiadis Le elezioni del 25 maggio in Grecia si sono tenute in un contesto caratterizzato da una pronunciata polarizzazione.
L'anti-europeismo (non) sfonda: il voto in Olanda, Irlanda e Regno Unitodi Laura Sudulich Giovedì 22 Maggio Olanda e Regno Unito sono stati i primi paesi a votare per eleggere i delegati nazionali per il prossimo Parlamento Europeo.
Svezia: la fuga dai grandi partitidi Nina Liljeqvist Il risultato delle elezioni europee 2014 in Svezia non potrebbe essere più diverso da quello del 2009.
Germania: la Merkel non trionfa ma reggedi Carolina Plescia e David Johann In Germania si è votato domenica 25 maggio per eleggere ben 96 membri del parlamento europeo, il paese che ne elegge di più in assoluto.
Cipro: astensionismo di protesta ai confini dell’Europadi Konstantinos Athanasiades E’ stata senza dubbio l’astensione a dominare il campo.
Francia: la vittoria storica del Front Nationaldi Luana Russo In Francia si è votato domenica 25 maggio[1].

Le segnalazioni bibliografiche del CISE:

Who’s Favored by Evaluative Voting? An Experiment Conducted During the 2012 French Presidential ElectionAntoinette Baujard, Herrade Igersheim, Isabelle Lebon, Frédéric Gavrel, Jean-François Laslier Electoral Studies ABSTRACTAbstract Under evaluative voting, the voter freely grades each candidate on a numerical scale, with the winning candidate being determined by the sum of the grades they receive. This paper compares evaluative voting with the two-round system, reporting on an experiment, conducted during the 2012 French presidential election, which attracted 2,340 participants.
Vote-earning strategies in flexible list systems: Seats at the price of unityBrian F. Crisp, Santiago Olivella, Michael Malecki, Mindy Sher Electoral Studies  32 (4): 658-669ABSTRACTIn theory, flexible list systems are a compromise between closed-list and open-list proportional representation. A party's list of candidates can be reordered by voters if the number of votes cast for an individual candidate exceeds some quota. Because these barriers to reordering are rarely overcome, these systems are often characterized as basically closed-list systems.
The Microfoundations of Party System Stability in LegislaturesCarol Mershon, Olga Shvetsova The Journal of Politics  75 (04): 865-878ABSTRACTWhat sustains stability in legislative party systems between elections? This question commands attention given the potential for change highlighted in recent work on legislative party switching. In addressing the question, this article echoes a prominent theme in research on legislatures, parties, and party systems: the importance of the party label.
The asymmetrical structure of left/right disagreement Left-wing coherence and right-wing fragmentation in comparative party policyChristopher Cochrane Party Politics  19 (1): 104-121ABSTRACTThe left/right semantic is used widely to describe the patterns of party competition in democratic countries. This article examines the patterns of party policy in Anglo-American and Western European countries on three dimensions of left/right disagreement: wealth redistribution, social morality and immigration.
Re-evaluating the relationship between electoral rules and ideological congruenceMatt Golder, Gabriella Lloyd European Journal of Political Research ABSTRACTTwo new studies challenge the prevailing consensus that proportional representation (PR) systems produce greater ideological congruence between governments and their citizens than majoritarian ones. This has led to what has become known as the ‘ideological congruence controversy’. G. Bingham Powell claims to resolve this controversy in favour of PR systems.
Proximity voting in the 2010 U.S. House electionsElizabeth N. Simas Electoral Studies  32 (4): 708-717ABSTRACTUtilizing data that allows for the placement of both of the candidates running and voters on the same ideological scale, I model proximity voting in the 2010 House elections. I demonstrate that though the literature predominantly emphasizes partisanship and incumbency, relative distance from the candidates also plays a significant role in the voting decision.
Political hypocrisy: The effect of political scandals on candidate evaluationsYosef Bhatti, Kasper M. Hansen, Asmus Leth Olsen Acta Politica  48 (4): 408-428ABSTRACTAlthough political scandals receive unprecedented attention in the contemporary media, the knowledge of political scientists regarding the consequences of such scandals remains limited. On the basis of two nationally representative survey experiments, we investigate whether the impact of scandals depends on the traits of the politicians involved.
Party systems and human well-beingNisha Mukherjee Party Politics  19 (4): 601-623ABSTRACTThis article analyses the impact of party systems on human well-being and argues that multiparty systems are associated with better welfare outcomes for two primary reasons: first, multiparty systems provide representation to multiple issue-dimensions in society, thereby indicating a more inclusive system, which ensures that diverse societal interests are taken into account during formulation of welfare policies.
Party system nationalization, presidential coalitions, and government spendingNéstor Castañeda-Angarita Electoral Studies  32 (4): 783-794ABSTRACTAbstract This paper argues that there is a strong relationship between geographical patterns of political parties' electoral performance and the composition of central government expenditures.
Party elites’ perceptions of voting behaviourAnn-Marie Ekengren, Henrik Oscarsson Party Politics  19 (4): 641-664ABSTRACTWe propose a framework for analysing party elite perceptions of voting behaviour based on four party competition and voting behaviour models: the Downsian proximity, saliency, competence and directional models. We analyse whether and to what extent party elite perceptions support these theories of party competition and voting behaviour.

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS