Lombardia come Valle d'Aosta. Il limite del Senato "renziano"di Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 13 aprile 2014 Nella riforma del Senato proposta dal governo c’è molto di buono e altro che si presta a una riflessione critica.

Europee 2014

Vita di PE: l’evoluzione storica del Parlamento Europeo e dei suoi poteridi Rocco Polin Quello che i cittadini europei eleggeranno tra il 22 e il 25 maggio 2014, sarà un Parlamento molto diverso da quello che si riunì per la prima volta nel settembre 1952 sotto il nome di “Assemblea Comune”.

Europee 2014

Unito ma perdente? Il PSE tra coesione partitica e declino elettoraledi Michail Schwartz Il gruppo dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) rappresenta all’interno del Parlamento Europeo forze Socialiste, Laburiste, Socialdemocratiche e Progressiste presenti nei ventotto stati appartenenti all’Unione Europea.

Europee 2014

Allargamento e successo elettorale: la strategia vincente del PPEdi Vincenzo Emanuele  Con la presentazione dei simboli e delle liste, la campagna elettorale per le elezioni del Parlamento Europeo (PE) è ormai cominciata. Ci sembra quindi opportuno dedicarci all’analisi dei protagonisti della politica europea, gli europartiti.

Dossier CISE

Disponibile in e-book il Dossier Cise sulle elezioni comunali del 2013 Le elezioni comunali 2013 a cura di Aldo Paparo e Matteo Cataldi Fra poco meno di due mesi gli italiani saranno chiamati alle urne per una fondamentale consultazione che coinvolgerà tutti gli elettori per le elezioni europee e oltre la metà degli 8.

Europee 2014

L’evoluzione dell’affluenza alle elezioni europee dal 1979 al 2009di Nicola Maggini   Le elezioni europee che si terranno tra il 22 e il 25 maggio 2014 (a seconda del paese) potrebbero acquisire, a detta di molti osservatori, una centralità e una rilevanza molto più ampia che in passato.
Con la revisione del Senato l'Italia si allinea ai paesi UEdi Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 3 aprile 2014             I paesi della Europa Occidentale che appartengono alla Unione Europea sono 15 (oltre l’Italia), compresi i piccolissimi Lussemburgo e Malta. In 7 la seconda camera non esiste.

Europee 2014

Proporzionale a geometria variabile. Ecco come si vota nei 28 paesi membridi Vincenzo Emanuele Quando si studia un’elezione, il sistema elettorale costituisce una fondamentale variabile di contesto di cui è necessario tenere conto.

Europee 2014

Le elezioni europee del 2014 in Italia: la situazione di partenza  di Nicola Maggini e Vincenzo Emanuele   Il 25 maggio 2014 si terranno in Italia le elezioni europee, che riguarderanno nel complesso i 28 stati membri dell’Unione Europea.

Europee 2014

Verso le elezioni europee, un quadro introduttivodi Vincenzo Emanuele e Nicola Maggini Tra circa due mesi (precisamente tra il 22 e il 25 maggio a seconda del paese[1])  390 milioni di elettori appartenenti ai 28 paesi membri dell’Unione Europea saranno chiamati alle urne per il rinnovo del Parlamento Europeo.
Alternanza dei sessi in lista compromesso ragionevoledi Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 9 marzo 2014 Sulla presenza delle donne in Parlamento l’Italia ha fatto negli ultimi anni notevoli progressi. Nel primo Parlamento della Seconda Repubblica deputate e senatrici erano complessivamente  meno del 13% del totale degli eletti.
Italicum dimezzato, rischio governabilitàdi Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 5 marzo 2014 Alla fine l’ha spuntata chi non vuole che la riforma elettorale si faccia ora. Questo è il senso di quanto sta succedendo in queste ore in parlamento.
Pigliaru vince con il porcellum versione regionaledi Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 19 febbraio 2014 Renzi è più fortunato di Veltroni. Cinque anni fa nello stesso giorno in cui Renzi ha ricevuto l’incarico per la formazione del nuovo governo.
Il nodo dei seggi tra partiti e territoriodi Roberto D'Alimonte Pubblicato sul Sole 24 Ore il 12 febbraio 2014 Una volta erano questioni riservate agli addetti ai lavori.

Amministrative 2014

Regionali Sardegna: l'astensione è il primo partito, Pigliaru porta alla vittoria il centrosinistradi Nicola Maggini   Il primo dato che emerge dalle elezioni regionali in Sardegna che si sono appena concluse è quello sull’affluenza: ha votato il 52,2% degli aventi diritto, oltre 15 punti in meno rispetto alle regionali del 2009. Quasi un sardo su due è rimasto a casa.

Le segnalazioni bibliografiche del CISE:

Who’s Favored by Evaluative Voting? An Experiment Conducted During the 2012 French Presidential ElectionAntoinette Baujard, Herrade Igersheim, Isabelle Lebon, Frédéric Gavrel, Jean-François Laslier Electoral Studies ABSTRACTAbstract Under evaluative voting, the voter freely grades each candidate on a numerical scale, with the winning candidate being determined by the sum of the grades they receive. This paper compares evaluative voting with the two-round system, reporting on an experiment, conducted during the 2012 French presidential election, which attracted 2,340 participants.
Vote-earning strategies in flexible list systems: Seats at the price of unityBrian F. Crisp, Santiago Olivella, Michael Malecki, Mindy Sher Electoral Studies  32 (4): 658-669ABSTRACTIn theory, flexible list systems are a compromise between closed-list and open-list proportional representation. A party's list of candidates can be reordered by voters if the number of votes cast for an individual candidate exceeds some quota. Because these barriers to reordering are rarely overcome, these systems are often characterized as basically closed-list systems.
The Microfoundations of Party System Stability in LegislaturesCarol Mershon, Olga Shvetsova The Journal of Politics  75 (04): 865-878ABSTRACTWhat sustains stability in legislative party systems between elections? This question commands attention given the potential for change highlighted in recent work on legislative party switching. In addressing the question, this article echoes a prominent theme in research on legislatures, parties, and party systems: the importance of the party label.
The asymmetrical structure of left/right disagreement Left-wing coherence and right-wing fragmentation in comparative party policyChristopher Cochrane Party Politics  19 (1): 104-121ABSTRACTThe left/right semantic is used widely to describe the patterns of party competition in democratic countries. This article examines the patterns of party policy in Anglo-American and Western European countries on three dimensions of left/right disagreement: wealth redistribution, social morality and immigration.
Re-evaluating the relationship between electoral rules and ideological congruenceMatt Golder, Gabriella Lloyd European Journal of Political Research ABSTRACTTwo new studies challenge the prevailing consensus that proportional representation (PR) systems produce greater ideological congruence between governments and their citizens than majoritarian ones. This has led to what has become known as the ‘ideological congruence controversy’. G. Bingham Powell claims to resolve this controversy in favour of PR systems.
Proximity voting in the 2010 U.S. House electionsElizabeth N. Simas Electoral Studies  32 (4): 708-717ABSTRACTUtilizing data that allows for the placement of both of the candidates running and voters on the same ideological scale, I model proximity voting in the 2010 House elections. I demonstrate that though the literature predominantly emphasizes partisanship and incumbency, relative distance from the candidates also plays a significant role in the voting decision.
Political hypocrisy: The effect of political scandals on candidate evaluationsYosef Bhatti, Kasper M. Hansen, Asmus Leth Olsen Acta Politica  48 (4): 408-428ABSTRACTAlthough political scandals receive unprecedented attention in the contemporary media, the knowledge of political scientists regarding the consequences of such scandals remains limited. On the basis of two nationally representative survey experiments, we investigate whether the impact of scandals depends on the traits of the politicians involved.
Party systems and human well-beingNisha Mukherjee Party Politics  19 (4): 601-623ABSTRACTThis article analyses the impact of party systems on human well-being and argues that multiparty systems are associated with better welfare outcomes for two primary reasons: first, multiparty systems provide representation to multiple issue-dimensions in society, thereby indicating a more inclusive system, which ensures that diverse societal interests are taken into account during formulation of welfare policies.
Party system nationalization, presidential coalitions, and government spendingNéstor Castañeda-Angarita Electoral Studies  32 (4): 783-794ABSTRACTAbstract This paper argues that there is a strong relationship between geographical patterns of political parties' electoral performance and the composition of central government expenditures.
Party elites’ perceptions of voting behaviourAnn-Marie Ekengren, Henrik Oscarsson Party Politics  19 (4): 641-664ABSTRACTWe propose a framework for analysing party elite perceptions of voting behaviour based on four party competition and voting behaviour models: the Downsian proximity, saliency, competence and directional models. We analyse whether and to what extent party elite perceptions support these theories of party competition and voting behaviour.